Parata di star al Red Carpet di “Monuments Men”





Anche io tra le diverse “decine” di fotografi presenti al Red Carpet tenutosi ieri presso l’UCI Cinemas di Pioltello, in occasione dell’anteprima Nazionale di Monuments Men, dove star hollywoodiane del calibro di George Clooney, Matt Damon, Bill Murray e John Goodman hanno sfilato per qualche minuto, incontrando i fan italiani e concedendo scatti e interviste agli operatori giunti sul posto che per accaparrarsi un posto buono hanno combattuto con gli amici-rivali una lunga e sanguinosa guerra di posizione e di trincea.

george-clooney-milano-red-carpet-monuments-men-cinema-uci-pioltello

Un infreddolito e nei primi minuti addirittura stizzito (con i fotografi) George Clooney apre le danze alla passerella per presenziare all’anteprima nazionale di Monuments Men, in compagnia dei suoi compagni di avventura, di personalità dello spettacolo nostrane e di altri fortunati partecipanti che hanno avuto l’opportunità di assistere alla proiezione della pellicola in anteprima insieme al cast.

george-clooney-paparazzi-nudo-uci-cinemas-milano-parata-red-carpet-rcfoto-roberto-cosentino-foto-rcphoto-galleria-fotografica-prima-visione-pioltello

A differenza degli altri Red Carpet e Photocall, in cui si punta ad ottenere principalmente fotografie a figura intera del personaggio, ho sfanculato mesi e mesi di insegnamenti e di logoranti battaglie e gomitate con i miei colleghi, disassemblando la macchina fotografica di flash e tele montando un 35mm, con l’intento di dare al servizio un’atmosfera che trascenda la caccia allo scatto del VIP, ho cercato in tutti i modi di catturare le sfaccettature  e le sfumature dei personaggi che si sono ritrovati per l’ennesima volta in terra straniera circondati da fan in delirio da una parte, e agguerritissimi operatori con il coltello e il flash tra i denti dall’altra.  (PS, fateci caso se mai assisterete a scene di ordinaria follia come la medesima: le urla provenienti da una parte e dall’altra mescolate insieme, se ascoltate possono rievocare lo stridulo urlo di demoni nei film dell’orrore!)

matt-damon-compagnia-foto-uci-cinemas-pioltello-red-carpet-monuments-men-milano-fotogallery-rc-foto-rcfoto-roberto-cosentino
Per esempio, sarà che sono curioso – motivo per cui ho scelto di sognare e di provare a fare questo mestiere – ma darei via una delle cinque batterie della mia fotocamera per sapere cosa si stanno dicendo Matt Damon e la sua compagna.
Nonostante il delirio che li circondava, per qualche secondo sono riusciti ad essere se stessi, a disinteressarsi di voci e fotocamere, e parlarsi. Benchè il volto di Matt Damon è appena abbassato, in quel momento non è lo sguardo dedicato alla stampa, alla gente. E’ uno sguardo che cerca di comprendere quanto la compagna cerca di comunicargli. In quel momento non è Matt Damon attore, non è Matt Damon celebrità. E’ semplicemente Matt Damon.
Ho violato un attimo la privacy, forzando appena appena la serratura (non forse è quello che ogni fotografo prova a fare?), ma almeno in quel momento, per me e per loro due, il tempo per qualche istante si è congelato. La calca e le urla erano solo ombre e stridule voci e rumori, il tempo è come se si fosse fermato, e con un clic l’ho intrappolato, per sempre.

john-goodman-monuments-men-red-carpet-smile-foto-colori-colors-pioltello-italy-uci-cinemas-cinema-roberto-cosentino-fotografo-rcfoto-rc-foto-rcphoto-rc-photo

Non so perchè John Goodman si fosse fermato per più di qualche secondo davanti la mia fotocamera.
Sarà per via del suo cognome (un nome un destino) ma per quale strano motivo ha voluto guardare nella mia direzione.
Nei photocall e nei red carpet i fotografi ne urlano di ogni per attirare l’attenzione della star di turno per ottenere almeno una foto in cui il soggetto guardi dentro l’obiettivo del fotografo. Io solitamente non faccio così. Sarò sciocco, inesperto o non so, ma detesto urlare come una scimmia urlatrice per un semplice scatto.
Ed è per questo che quando ho visto addirittura quattro o cinque foto in cui John Goodman guarda verso di me, ho urlato “Yabba Dabba Doo!” Grazie, John!

bill-murray-red-carpet-monuments-men-milano-pioltello-uci-cinemas-febbraio-2014
Il più forte di tutti e il più difficile da “acchiappare” come un fantasma, Bill Murray è un vero e proprio mattatore, divertendo e divertendosi firmava autografi e nel mentre si faceva fotografare, è stato l’unico con cui ho avuto delle serie difficoltà a fotografare, infatti gli scatti buoni in cui appare nel mio servizio sono davvero pochi, ahimè, ma mi sono gustato lo spettacolo con i miei occhi, con lo sguardo lontano dal mirino della fotocamera, e ne è valsa la pena.
Mi è sembrato per un attimo di tornare bambino quando vedevo il mio Ghostbuster preferito con la sua ironia tagliente ad esibirsi davanti al suo pubblico. Idolo.

RCF_5409 [Risoluzione del desktop]

E infine loro. I veri protagonisti.
Quando ho rivisto questa foto insieme alle altre ho pensato a due cose: la prima al video di “Una vita da Mediano” di Luciano Ligabue, due comunissimi addetti ai lavori che con il loro sudore e la loro corsa rendono tutto possibile, nonostante la Natura non abbia donato loro lo spunto “del 10”. La seconda cosa che ha rievocato nei miei ricordi è SPOILER la fotografia numero 25 de “I sogni segreti di Walter Mitty“, “La quinta essenza della vita”; chi ha visto il film capirà a cosa mi riferisco, spero.

 


 


Share Button

Scrivimi

Scrivimi una mail, ti contatterò appena possibile.

Sending

©2017 RobertoCosentino.it Powered By RCNetwork.it

Log in with your credentials

Forgot your details?